Tra molte novità e qualche importante riconferma, il Teatro Libero riparte e presenta la nuova stagione, quella 2012-2013: In apnea.

Quando si arriva in via Savona si fa quasi fatica a trovarlo. Perché è discreto, apparentemente silenzioso e poco illuminato. I posti che offre non sono molti e per arrivarci bisogna salire quattro grandi rampe di scale. E’ diverso dagli altri teatri, quelli famosi e importanti di Milano. Come afferma il suo direttore artistico, Corrado D’Elia, sottolineando tutte le difficoltà che il teatro (in genere) sta attraversando: <<Sarebbe facile non farlo, sarebbe giusto forse non farlo, non essere più. Non se ne accorgerebbe nessuno, girarsi di spalle e sparire. E’ questione di un secondo>>.
Ma è proprio questo suo modo di essere che rende speciale il Teatro Libero. E’ bello passare le serate in via Savona 10. Fuori, prima dello spettacolo, la gente parla. Non del più e del meno. Non del tempo o della politica. Le persone parlano di teatro, cultura, s’interrogano su quello che stanno per vedere e condividono le opinioni su quello che già hanno visto. E questo non è così scontato. Succede solo nei piccoli teatri, dove non ci sono signore in pelliccia o fotografi dietro le transenne. Al Teatro Libero si vedono molti giovani. E’ un luogo vivace. Ecco sì, il Teatro Libero è un teatro vivo.
E la nuova stagione conferma le parole appena scritte. Ci sono i grandi autori: Shakespeare (Il mercante di Venezia) e Dostoevskij (Ivan e il diavolo) entrambi con la regia di Alberto Oliva. Ci sono i grandi ritorni come quello di Corrado Accordino con uno dei suoi cavalli di battaglia che chiama ancora in gioco Dostoevskij: L’idiota. Ci sono i nuovi visionari spettacoli del direttore artistico, Corrado D’Elia: Io, Ludwig Van Beethoven e Odissea.
Basterebbero già queste poche righe a descrivere la ricchezza della nuova stagione. Ma le prospettive, gli orizzonti e i punti vista sono ancora molti. Le riflessioni su Raymond Carver (Per favore niente eroi) e uno spettacolo su Mozart. Le presenze importanti del Teatro Stabile di Verona (Buzzati e Stefan Zweig con la regia di Paolo Valerio) e del Teatro Belli sempre attento alla nuova drammaturgia e ai temi della contemporaneità (con i testi di Carlo Emilio Lerici e Massimo Vincenzi). Importanti registi, gli spettacoli di Gabriele Vacis e quelli di Roberto Tarasco. Le lucide, comiche digressionidi Arturo Di Tullio e il divertente Parlami d’amore di Philippe Claudel con la regia di Claudia Negrin.
Una stagione da seguire dunque, da proteggere, da difendere e da far conoscere. Perché le persone possano ancora passare delle sere a parlare di cultura, a riflettere a pensare. Fino quando avranno fiato e anche quando non ne avranno più e si ritroveranno in apnea. Fuori al numero 10 di via Savona dentro un piccolo teatro sospeso.

Teatro Libero
stagione 2012-2013
via Savona, 10 – Milano

dal 14 al 22 settembre 2012
4:48 PSYCHOSIS
di Sarah Kane
traduzione Barbara Nativi
regia Valentina Calvani
con Elena Arvigo
musiche Susanna Stivali
produzione Associazione M15 e SantaRita Teatro

dal 27 settembre al 3 ottobre 2012
Non buttiamoci giù
di Nick Hornby
regia Luciano Roman
con Luciano Roman
produzione Teatro Belli

dal 5 al 14 ottobre 2012
Amleto (è vivo)
di William Shakespeare
regia Claudia Negrin
con Michele Bottini, Daniele Ornatelli, Claudio Gherardi, Alberto Pistacchia,
Chiara Salvucci, Claudia Negrin.
produzione Skenè Company Milano

dal 15 al 21 ottobre 2012
L’idiota
da Fedor Dostoevskij
progetto e regia Corrado Accordino
con Corrado Accordino
produzione La Danza Immobile

dal 22 al 28 ottobre 2012
Il nostro amore schifo
di Luciana Maniaci e Francesco d’Amore
regia Roberto Tarasco
con Luciana Maniaci e Francesco d’Amore
produzione Nidodiragno e Teatro Regionale Alessandrino

dal 6 al 18 novembre 2012
La regina senza corona
Gertrude Bell e la battaglia di Baghdad

di Massimo Vincenzi
regia Carlo Emilio Lerici
con Francesca Bianco
produzione Teatro Belli

dal 21 novembre al 9 dicembre 2012
Il mercante di Venezia
di William Shakespeare
adattamento e regia Alberto Oliva
con Mino Manni, Stefano Cordella, Francesco Meola, Davide Palla, Valeria Perdonò
produzione Il Contato del Canavese / I Demoni / Teatro Libero

dal 10 al 13 dicembre 2012
Tutto va come… non deve andare
“Lucide digressioni”

progetto e regia Arturo di Tullio
con Arturo di Tullio
produzione Teatro Libero

dal 14 al 31 dicembre 2012
Parlami d’amore
di Philippe Claudel
traduzione David Conati
di e con Michele Bottini e Claudia Negrin
produzione Skenè Company Milano
dal 21 al 27 gennaio 2013
Biografia della peste
di Luciana Maniaci e Francesco d’Amore
regia Roberto Tarasco
con Luciana Maniaci e Francesco d’Amore
produzione Nidodiragno

dal 28 al gennaio al 3 febbraio 2013
Mi chiamo Aram e sono italiano
Storie da Synagosity

di Aram Kian e Gabriele Vacis
regia Gabriele Vacis
con Aram Kian
produzione Teatro Regionale Alessandrino

dal 4 al 17 febbraio 2013
Per favore niente eroi
drammaturgia e regia Corrado Accordino
con Corrado Accordino, Alessia Vicardi, Daniele Ornatelli
produzione La Danza Immobile

dal 18 al 28 febbraio 2013
Poema a fumetti
di Dino Buzzati
regia Paolo Valerio
con Paolo Valerio e accompagnamento musicale dal vivo alla chitarra Zeno Baldi
produzione Teatro Stabile di Verona

dal 6 al 19 marzo 2013
Ivan e il diavolo
Il mistero del doppio nei Fratelli Karamazov
da Fedor Dostoevskij
adattamento Mino Manni e Alberto Oliva
regia Alberto Oliva
con Mino Manni
produzione I Demoni

dal 20 al 29 marzo 2013
Rumori fuori scena
di Michael Frayn
regia Claudia Negrin
con Michele Bottini, Luca Criscuoli, Alberto Pistacchia, Anna di Maio, Claudio Gherardi, Claudia Negrin, Gabriele Amietta, Cecilia Broggini, Elena Redaelli.
produzione Skenè Company Milano

dal 6 al 21 aprile 2013
Io, Ludwig Van Beethoven
“La musica, la fanciulla, la bellezza e l’istante solenne della morte”

progetto e regia di Corrado d’Elia
con Corrado d’Elia
produzione Teatro Libero

dal 22 aprile al 5 maggio 2013
Lettera da una sconosciuta
libero adattamento da Stefan Zweig
regia Paolo Valerio
con Elena Giusti
produzione Teatro Stabile di Verona

dal 6 al 12 maggio 2013
Alan Turing e la mela avvelenata
di Massimo Vincenzi
regia Carlo Emilio Lerici
con Gianni De Feo
voce fuori campo di Stefano Molinari – musiche di Francesco Verdinelli
produzione Teatro Belli

dal 14 al 26 maggio 2013
Mercury fur
di Philip Ridley
adattamento e regia Carlo Emilio Lerici
traduzione Fabiana Formica
musiche Francesco Verdinelli
elaborazioni sonore Giuseppe D’Amato
produzione Teatro Belli
dal 27 maggio al 7 giugno 2013
Mozart ovvero Il re scoreggione
drammaturgia e regia di Corrado Accordino
produzione La Danza Immobile

dal 27 giugno al 13 luglio 2013
Odissea
“Viaggio poetico nell’uomo e nell’oggi”

progetto e regia di Corrado d’Elia
con Corrado d’Elia
produzione Teatro Libero

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.