Un fresco inverno?

Luglio, tempo di presentazioni. Molti teatri all’inizio dell’estate rendono pubblica la Stagione dell’anno che verrà, e il Manzoni di Pistoia non è da meno. Ufficiale, infatti, la programmazione 2018/19, che riserva qualche chicca, ma sembra aver perso la spinta verso  la ricerca di nomi e compagnie che rappresentino il teatro contemporaneo e preferisca languire tra il nome televisivo e quello di botteghino.

La scelta del direttore artistico ha posto l’accento su personaggi noti sul piccolo schermo, quali Lucrezia Lante della Rovere, Veronica Pivetti, Katia Ricciarelli, Alessandro Haber. Ricorrono altresì più volte Massimo Grigò e Renata Palminiello, artisti cari all’Associazione Teatrale Pistoiese. Piacevole, e fa ben sperare, la presenza della Compagnia pisana, I Sacchi di Sabbia, che però sembra ripetersi, presentando I Due Moschettieri – dopo l’originalissimo I 4 Moschettieri in America del 2016. Non manca anche quest’anno Roberto Valerio, che va in scena con il Tartufo di Molière e con l’immancabile presenza di Valentina Sperlì. A questi aggiungiamo Marco Sciaccaluga e Filippo Dini.
Nel complesso, nessuna novità eclatante. Alcuni spettacoli di qualità non mancheranno, in alcuni casi uniti alla curiosità – da parte di critica e pubblico – verso titoli che suscitano una specie di solletico mentale. Pensiamo a Goodbye Diabolik, spettacolo-omaggio alla coppia di creative sorelle che, negli anni Sessanta, dettero vita al celebre fumetto: una storia al femminile tra spirito d’avventura, slancio imprenditoriale e inventiva. 
La Stagione si apre con Monica Guerritore e il suo Giovanna D’Arco, intenso intreccio di musica, testo e interpretazione, dove la storia della santa sarà mixata con le parole di filosofi e pensatori del Novecento e dell’antichità. Molto interesse per il musical Mamma mia!, data la non facile occasione di assistere a spettacoli appartenenti a questo genere performativo, e grande attesa per la prima regionale del Don Giovanni di Mozart, con un cast internazionale composto da Petra Magoni, Simona Boo, Hersi Matmuja, Mama Marjas, Evandro Dos Reis, Omar Lopez Valle e Houcine Ata.
Doppia la presenza pirandelliana con Così è (se vi pare) e Il piacere dell’onestà – mentre spicca la presenza dell’attrice Elsa Bossi ne Il Gabbiano di Čechov, per la regia di Marco Sciaccaluga.
Per la rassegna Altri Linguaggi, che dovrebbe esplorare creazioni ibride caratterizzate da una forte contaminazione, si leggono titoli frutto di ricerca e altri che sollevano dubbi. Risveglio di primavera da Frank Wedekind, una produzione dell’Associazione Teatrale Pistoiese, un Faust frutto del laboratorio teatrale diretto da Lombardi-Tiezzi, I due Moschettieri di cui sopra, i due soli appuntamenti con la danza pistoiesi – Petruška di Virgilio Sieni e un Il lago dei cigni con “star russe” – oltre a Jimmy creatura di sogno.
Ovviamente troppo presto per fare un bilancio della Stagione che sarà: non resta che attendere l’autunno per entrare di nuovo in sala e scoprire se sarà un lungo inverno caldo, o un po’ più “fresco”.

Teatro Manzoni
Stagione 2018/19
Teatro Manzoni
corso Gramsci 327 – Pistoia
Piccolo Teatro Mauro Bolognini
via del Presto 5 – Pistoia
orari: feriali ore 21.00, domenica ore 16.00 (ad esclusione di domenica 9 settembre, ore 17.00)

da martedì 23 a domenica 28 ottobre
Piccolo Teatro Mauro Bolognini
Goodbye Diabolik
di Dominick Tambasco
un progetto di Alessia Innocenti
regia Massimo Navone
con Alessia Innocenti, Giulia Weber e Totò Onnis

da venerdì 9 a domenica 11 novembre
Teatro Manzoni
Giovanna D’Arco
di e con Monica Guerritore

da venerdì 23 a domenica 25 novembre
Teatro Manzoni
Bella figura
di Yasmina Reza
regia Roberto Andò
con Anna Foglietta, Paolo Calabresi, Anna Ferzetti e David Sebasti
e con Simona Marchini

da venerdì 30 novembre a domenica 2 dicembre
Teatro Manzoni
Il padre
di Florian Zeller
regia Piero Maccarinelli
con Alessandro Haber e Lucrezia Lante Della Rovere
e con Paolo Giovannucci, Daniela Scarlatti, Ilaria Genatiempo e Riccardo Floris

da venerdì 7 a domenica 9 dicembre
Teatro Manzoni
Mamma mia!
musiche e testi di Benny Andersson e Björn Ulvaeus
libretto di Catherine Johnson
originariamente creato da Judy Craymer
nuovo allestimento italiano e regia Massimo Romeo Piparo
con Luca Ward, Paolo Conticini, Sergio Muñiz, Sabrina Marciano,
Elisabetta Tulli, Laura Di Mauro, Jacopo Sarno ed Eleonora Facchini
Orchestra diretta da Emanuele Friello

da venerdì 11 a domenica 13 gennaio 2019
Teatro Manzoni
Viktor und Viktoria
commedia con musiche liberamente ispirata all’omonimo film di Reinhold Schunzel
versione originale Giovanna Gra
regia Emanuele Gamba
con Veronica Pivetti
e con Giorgio Borghetti, Yari Gagliucci, Pia Engleberth, Roberta Cartocci e Nicola Sorrenti

da venerdì 18 a domenica 20 gennaio
Teatro Manzoni
Il gabbiano
di Anton Čechov
regia Marco Sciaccaluga
con Roberto Alinghieri, Alice Arcuri, Elsa Bossi, Eva Cambiale,
Andrea Nicolini, Elisabetta Pozzi, Stefano Santospago, Roberto Serpi,
Francesco Sferrazza Papa, Kabir Tavani e Federico Vanni

da venerdì 1° a domenica 3 febbraio
Teatro Manzoni
Così è (se vi pare)
di Luigi Pirandello
regia Filippo Dini
con Francesca Agostini, Mauro Bernardi, Andrea Di Casa, Filippo Dini, Giovanni Esposito, Ilaria Falini, Mariangela Granelli,
Orietta Notari, Maria Paiato, Nicola Pannelli e Benedetta Parisi

da venerdì 22 a domenica 24 febbraio
Teatro Manzoni
Don Giovanni di Mozart
secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio
direzione artistica e regia Mario Tronco
regia Andrea Renzi
direzione musicale Leandro Piccioni
con Petra Magoni, Simona Boo, Hersi Matmuja, Mama Marjas, Evandro Dos Reis, Omar Lopez Valle e Houcine Ataa

da venerdì 8 a domenica 10 marzo
Teatro Manzoni
Tartufo
di Molière
adattamento e regia Roberto Valerio
con (o.a.) Giuseppe Cederna, Valentina Sperlì, Roberto Valerio, Massimo Grigò, Roberta Rosignoli e altri interpreti in via di definizione

da venerdì 15 a domenica 17 marzo
Teatro Manzoni
Il piacere dell’onestà
di Luigi Pirandello
regia Alessandro Averone
con Alessandro Averone, Alessia Giangiuliani, Laura Mazzi, Marco Quaglia, Gabriele Sabatini e Mauro Santopietro

RASSEGNA ALTRI LINGUAGGI
da sabato 8 a giovedì 13 settembre
Piccolo Teatro Bolognini
Risveglio di Primavera 

secondo movimento da Frank Wedekind
progetto a cura di Massimo Grigò, Sena Lippi e Renata Palminiello
drammaturgia Renata Palminiello, Sena Lippi e Letizia Bugiani
regia Renata Palminiello
con Carmelo Calcagno, Leonardo Giacomelli, Romina Maggio, Gabriel Paciello, Irene Berni, Elena Meoni, Olga Novelli, Nicola Maraviglia, Letizia Bugiani, Federico Pelliccioni e Silvia Venturi

da venerdì 12 a domenica 14 ottobre
Piccolo Teatro Bolognini
Verso Faust
esercizi teatrali per e con gli allievi
del Teatro Laboratorio della Toscana
a cura di Sandro Lombardi e Federico Tiezzi

venerdì 16 e sabato 17 novembre
Piccolo Teatro Bolognini
I due Moschettieri
liberamente ispirato all’opera di Nizza & Morbelli, Alexandre Dumas, Tommaso Landolfi e Jason
testo Giovanni Guerrieri
regia Giovanni Guerrieri e Giulia Gallo con la collaborazione di Giulia Solano
con Gabriele Carli, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri, Enzo Illiano e Giulia Solano

mercoledì 21 novembre
Teatro Manzoni
Petruška
coreografia e spazio Virgilio Sieni
musica Igor Stravinskij e Giacinto Scelsi
interpreti Jari Boldrini, Ramona Caia, Claudia Caldarano, Maurizio Giunti, Giulia Mureddu e Andrea Palumbo

venerdì 8 febbraio
Piccolo Teatro Bolognini
La bisbetica domata
di William Shakespeare
regia Tonio De Nitto
con Dario Cadei, Ippolito Chiarello, Angela De Gaetano, Franco Ferrante, Antonio Guadalupi, Filippo Paolasini, Luca Pastore e Fabio Tinella

sabato 9 febbraio
Teatro Manzoni
Il Lago dei Cigni
balletto in due atti
coreografie originali di Marius Petipa
musica P. I. Tchaikovskij
Russian Stars & Moscow State Classical Ballet by Tito

sabato 23 marzo
Piccolo Teatro Mauro Bolognini
Jimmy creatura di sogno
liberamente tratto da un testo di Marie Brassard
regia Giuseppe Tesi
con Giulio Maria Corso
e con la partecipazione, in video, di Katia Ricciarelli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.