Far bene il mestiere di uomo

Variegata e accattivante è la stagione 2012-2013 del Teatro Parioli Peppino De Filippo di Roma, la seconda sotto la direzione di Luigi De Filippo.

Le scelte artistiche della prossima stagione del Teatro Parioli Peppino De Filippo di Roma dimostrano come per il suo direttore artistico, Luigi De Filippo, figlio del grande Peppino, far bene il mestiere di uomo e fare del buon teatro coincidano. E cioè proporre al pubblico spettacoli di qualità che uniscano il divertimento alla cultura, il piacere di trascorrere una serata di svago ai classici del Teatro italiano ed europeo, la musica alla prosa, il contemporaneo all’antico, celebri interpreti a giovani attori. E che soddisfino la maggior parte dei gusti, sia quelli degli adulti che quelli dei bambini.
Tre degli spettacoli in cartellone, da lui stesso diretti, appartengono a quel teatro di grande tradizione napoletana di cui i fratelli De Filippo furono eccezionali protagonisti: si inizia con Cani e Gatti (marito e moglie) di Eduardo Scarpetta, dove Luigi è affiancato da undici giovani attori; a gennaio Peppino, quante belle risate, spettacolo che unisce due atti unici di Peppino De Filippo, Aria Paesana e Quale onore; per finire A che servono questi quattrini? di Armando Curcio, una delle più divertenti commedie che resero celebri i De Filippo, andata in scena per la prima volta nel 1940, che chiude la stagione.
Ampio spazio hanno anche gli immortali capolavori di Goldoni, Molière, Shakespeare e Plauto: Debora Caprioglio e Marco Messeri interpretano quella che è considerata la prima commedia della riforma teatrale goldoniana, La donna di garbo; Franco Oppini è Tartufo, affiancato da Corinne Clery; Giuseppe Marini dirige Romeo & Giulietta; Marina Thovez propone una rilettura originale della Casina, l’ultima commedia di Plauto.
Al fianco di questi classici del passato si elevano con pari dignità nella storia del Teatro A piedi nudi nel parco di Neil Simon e Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar: il primo viene portato in scena da Stefano Artissunch, con Gaia De Laurentiis e Valeria Ciangottini; la sempre straordinaria messinscena di Scaparro con Giorgio Albertazzi è quella del secondo.
Rappresentante della nuova drammaturgia è invece Daniele Falleri, autore e regista, che dirige Andrea Roncato, Monica Scattini, Pia Engleberth e Roberta Giarrusso nella sua commedia degli equivoci Il marito di mio figlio, affrontando con ironia la spinosa questione dei matrimoni gay.
Molto “di moda” le due scelte del periodo di Natale e Capodanno. Les Folies Burlesque, presentato da Sin Sara Bin, ispirato a Ziegfeld Follies e Les Folies Bergères, nasce da un sodalizio tra la rivista italiana Royal Burlesque Revue e Hurly Burly Girlys, lo show britannico che spopola a Londra dominato dalla diva burlesque Polly Rae. Il 31 dicembre e il 1° gennaio, andrà in scena Tango, con Enrique y Guillermo De Fazio, Los Hermanos Macana. Sostenuti da un corpo di ballo di dieci ballerini e musiche da vivo, i fratelli Macana si esibiscono in coppia come i compadritos che, alle origini del Tango, per carenza di donne, erano costretti a ballare tra di loro.
La proposta musicale del Teatro Parioli si divide fra la due rassegne, Risvegli lirici, ciclo di concerti classico-lirici presentati dall’orchestra I Virtuosi d’Opera di Roma diretta dal maestro Adriano Melchiorre ed eseguiti la domenica mattina, e Parioli in musica, realizzata in collaborazione con le Associazioni Kuntura, Luce a Cavallo e con il contributo di Jando Music, che ospiterà giovani esponenti del pop, indie rock, jazz, elettronica.
Infine, da novembre a febbraio, si alterneranno sul palcoscenico La Bella addormentata nel bosco, Lo Schiaccianoci, Cappuccetto Rosso e Hansel e Gretel, realizzati in collaborazione con il Teatro San Carlino: burattini di legno, pupazzi di gommapiuma, attori, la musica suonata dal vivo al pianoforte sono gli elementi di questi spettacoli per bambini che coinvolgono direttamente i piccoli spettatori con una partecipazione attiva.
Questi i titoli della stagione teatrale del Teatro Parioli Peppino De Filippo 2012-2013, arricchita ulteriormente da numerose attività collaterali, come workshop e micro-conferenze.

La conferenza stampa ha avuto luogo:
Teatro Parioli Peppino De Filippo
via Giosuè Borsi, 20 – Roma
mercoledì 13 giugno, ore 12.00

Alcuni titoli in cartellone:
Cani e Gatti (marito e moglie)
di Eduardo Scarpetta
riduzione e regia Luigi De Filippo
dal 25 ottobre al 18 novembre

A piedi nudi nel parco
di Neil Simon
regia Stefano Artissunch
dal 22 novembre al 2 dicembre

Les folies burlesque
22 e 23 dicembre

Il marito di mio figlio
Una commedia brillante a tinte comiche
scritto e diretto da Daniele Falleri
dal 3 al 13 gennaio

Peppino, quante belle risate
di Peppino De Filippo
regia Luigi De Filippo
dal 17 al 27 gennaio

Memorie di Adriano
di Marguerite Yourcenar – Lunay
traduzione di Lidia Storoni Mazzolani
regia Maurizio Scaparro
da 19 febbraio al 17 marzo

A che servono questi quattrini?
di Armando Curcio
riduzione di Peppino De Filippo
regia Luigi De Filippo
dal 4 al 21 aprile

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.