In assenza di gravità

Tornato a Fondi dal 20 al 23 luglio, il festival di danza TenDance ospita la leggerezza metafisica di The silent Cage, superba coreografia della compagnia Aton Dino Verga, e altri undici spaccati delle avanguardie contemporanee, tra cui il furioso Carmen Duo di Giovanna Velardi, l’intenso cigno morente di Cristina Rizzo (Invisible piece) e la delicatezza swing di Fabio Crestale in Al muro.

Con il consueto coraggio della danza contemporanea, TenDance è tornato nell’antico borgo di Fondi, in provincia di Latina. Dopo il successo dello scorso dicembre a Castello Caetani – era il “numero zero” a Fondi, dopo cinque edizioni a Bracciano – la kermesse di Ricky Bonavita e Theodor Rawyler ha sfidato, dal 20 al 23 luglio, la ricca proposta culturale e turistica del litorale pontino. Incantevoli le ambientazioni: l’Auditorium comunale, che ha sede nell’ex Chiesa di San Domenico con il Chiostro; piazza Quattro Novembre, su cui si affaccia il Duomo di San Francesco, e l’anfiteatro di piazza De Gasperi.
Con cinque spettacoli e sette performance, le quattro serate sono state un diorama della coreografia italiana contemporanea, tra stilemi accademici e del Novecento e nuovi linguaggi del movimento performativo. «Performance site specific», spiega Ricky Bonavita, «che permettono una relazione più intima fra spettatore e danzatore».
La rassegna si è aperta con un prequel nella vicina Maenza, dove l’11 luglio la coreografa Benedetta Capanna ha portato in prima nazionale Kizuna. Bond. Legami. Lo spettacolo, riproposto poi il 21 luglio a Fondi, è una delicata riproduzione coreografica dell’ideogramma giapponese “Kizuna” (“legami”). Capanna e Stefano Fardelli disegnano movimenti circolari in silenzio, poi su solenni note tradizionali Ainu e sul Morgen di Strauss. Flessibili e protesi come piante acquatiche, inizialmente staccati e paralleli, trovano poi un incontro di prese e inclusioni: è un amore, con i suoi vincoli e le sue «onde di comunicazione». Spettacolare la conclusione del festival, lunedì 23 luglio, con il Merlino della compagnia Excursus di Ricky Bonavita: un’incursione nella vita del mago celtico, tra multimedialità e ripresa della leggenda.
Tra l’esordio e la chiusura, le partiture in scena sono state tra le più varie.
Il festival (realizzato con il sostegno del MiBAC, dei Comuni di Fondi e di Maenza, e del CREIA Regione Lazio) è stato una vetrina per compagnie note, come Aton e Spellbound Contemporary Ballett di Mauro Astolfi (presente con Lost for Words), ma anche per giovani coreografi e performer, come la fondana Marica Zannettino (sul palco con Me, uno spettacolo in prima nazionale) e Daniele Albanese (con il criptico In a Landscape, che suggerisce cortocircuiti di senso in una realtà urbana). Godibile anche il Gruppo E-Motion di Francesca La Cava, con Trans-U-Mare (22 luglio): un’epica pastorale sulla transumanza e i suoi rituali tra morbosa religiosità e gioia popolare, sulle belle musiche di Mauro Palmas, con l’energica La Cava, una ispirata Annalisa Celentano e i due flessuosi pastori, Antonino Filardo e Gianluca Possidente.
Vitalismo ancora più furibondo e sorprendente è quello di Giovanna Velardi, che firma, per la compagnia Ibi Danza, Carmen Duo (21 luglio). Sulle musiche di Bizet e Schedrin, la danzatrice interpreta una Carmen fiera, strafottente, ancheggiante, di un coraggio amorale, «biologico e ancestrale» che la porta a scegliere la morte. Inseguimenti, balzi, sberleffi, strattonamenti, abbracci, abbandoni: quello con il danzatore Dario Tumminia è un corteggiamento- duello muscolare, tra momenti buffi, farseschi, e altri di tenerezza intimistica.
Spettacolo poetico è Al muro di Fabio Crestale (22 luglio): un’opera sulle barriere esistenziali. Sulle note di Arvo Part e J.S. Bach, Fabio Crestale e Cyrille de la Barre fanno sognare e sorridere con malinconia, costruendo, oltre che una danza, anche una “scenografia” fatta di geometrie di corpi. I due si sospingono verso il “muro”: il luogo dell’incontro o dell’indifferenza, dei sospiri e delle illusioni, delle ombre più grandi del corpo reale.
Profonda emozione arriva da Invisible piece (22 luglio), settima variazione della coreografa e danzatrice Cristina Rizzo su La Morte del Cigno. Su un monitor il pubblico guarda il video in bianco e nero della versione originale danzata nel 1924 da Anna Pavlova. Sulla falsariga di quest’ultima agisce Rizzo, esile e nervosa, perlopiù di spalle, prima su rumori di fondo e click di puntine, poi su note di Iggy Pop, Alphaville, Marten Spanberg. Il loop dei movimenti spezzati esprimono forza e fragilità: scatti, spasmi, contrazioni tremanti, inarcamenti e rovesciamenti a terra, che descrivono un intenso dramma.
Ma a catturare è lo Studio per The silent Cage di Aton Danza Dino Verga: minimale, astratto e splendido. Il progetto, una prima nazionale (21 luglio), è ideato da Dino Verga, ed è un omaggio al compositore John Cage e al coreografo Merce Cunningham, compagno di Cage, cui Aton è legata da vent’anni. I tre interpreti straordinari, Luca Russo, Luca Della Corte e Veronica Cionni, volano anche da fermi. Si misurano con lo spazio scenico in relazione alla musica sperimentale di Cage e al silenzio come «assenza di musica», tra contaminazioni di impatto sintetico, echi di lirica, swing americano anni Quaranta, gorgoglii d’acqua, voci. Un gioco elegante di valenze e simmetrie molecolari tra i danzatori passa per movimenti puliti e fluidi, per ralenti onirici e perfetti che dissimulano la difficoltà, per prese eteree. L’interpretazione è leggera, distaccata, ma non inespressiva. Un gioiello di pura bellezza, la cui funzione “sociale”, di «stimolo alla riflessione» resta fedele a una cifra stilistica intellettuale, mai sentimentale, didascalica o retorica. Riuscendo però ad emozionare il pubblico: con «un cuore che passa per la testa».

[nggallery id=71]

Lo spettacolo è andato in scena:
Auditorium comunale, Auditorium di Piazza De Gasperi, Piazza Quattro Novembre (Fondi)
da venerdì 20 luglio a lunedì 23 luglio, ore 20.30
biglietto unico giornaliero 8 Euro

TenDance Festival
realizzato con il sostegno di MiBAC, Comune di Fondi, Comune di Maenza, CREIA Regione Lazio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.