Oltre lo show

«Ridere è contagioso», così Katia Beni e Anna Meacci presentano Ticket&Tac, lo spettacolo di cui sono protagoniste in scena al Teatro Golden fino a domenica 13 aprile. Una riflessione «semiseria su salute e benessere» che, in realtà, è un progetto ben più ampio e articolato.

Ticket&Tac è quanto mai un titolo azzeccato, non solo per il richiamo onomatopeico a qualcosa di automatico e automatizzato – pensiamo alle lunghe trafile sempre uguali a loro stesse per fare il ticket nonché qualsiasi altro esame ospedaliero – ma anche perché introduce in maniera leggera e non banale il tema del rapporto paziente-medico all’interno delle strutture sanitarie pubbliche.

In un’ambientazione dall’atmosfera rarefatta, composta da cuscini verticali, un lettino da studio medico, camici bianchi e flebo, le due protagoniste, Katia Beni e Anna Meacci, ricostruiscono le più improbabili telefonate e richieste che giungono in un qualunque centralino ospedaliero, rivolte – anche – al Dottor Kildare. Personaggio solo menzionato ma non a caso: nato dalla penna di Max Brand, diventa il protagonista di numerosi film e serie televisive degli anni Sessanta e Settanta e incarna la figura del dottore benvoluto da tutti perché capace di coniugare l’attenzione ai progressi della scienza moderna con una particolare cura del rapporto umano tra paziente e medico. Tra pap-tost, piastrelle del sangue, campi abusivi agli occhi, messa in istato interessato e dolori intercostieri, si guarda alla situazione della sanità pubblica italiana attraverso gli occhi dei pazienti ma anche dei medici.

«È dovere di chiunque non far perdere tempo ai medici» è una delle emblematiche battute di questo testo: si pone così l’accento sui tagli degli organici e sull’aumento dei pazienti che, giustamente, richiedono un’attenzione non sempre corrisposta e, soprattutto, non sempre dovuta a mancanza di volontà o di cura da parte degli operatori del settore. A fare da contraltare, però, è la spinosa “questione” delle malattie rare. Attraverso la vera esperienza di Francesca Romana (presente in sala in occasione della prima, ma solo menzionata dalle attrici nei ringraziamenti), viene costruito un racconto verosimile di quanto spesso accade a chi è colpito da una delle 7000 malattie rare. Secondo le stime, 1 persona su 2000 viene colpita da malattie rare, e questo nel campo medico viene, appunto, ritenuto un caso raro; da qui a volte l’incapacità dei medici nel riconoscerne i sintomi, la difficoltà nel reperire i farmaci appropriati e nello stabilire la giusta cura – qualora si conoscesse – fino allo sfociare nel tragico epilogo.

Dal suo debutto nel 2012, Ticket&Tac ha raccolto numerosi consensi non solo nel pubblico, ma anche nelle associazioni di categoria che lo hanno sostenuto e supportato, tra queste Amnesty International Gruppo 014, Emergency, AMMeC (Associazione Malattie Metaboliche Congenite), A.T.T. Associazione Toscana Tumori, Medicina Narrazione e Artemisia (contro la violenza sulle donne). Ad accompagnare le recite romane per Effeti Collaterali… oltre lo spettacolo T&T nel foyer del Teatro Golden si sono svolte campagne di sensibilizzazione e informazione dell’A.N.T. – Associazione Nazionale Tumori, AVIS Roma e UNIAMO – Federazione Italiana Malattie Rare. Inoltre, come si legge nella scheda dello spettacolo, «visto il consenso riportato al Festival della Salute 2013 e per la valenza sociale dello spettacolo, oltre alla programmazione nei teatri, la proposta si sta qualificando come momento collaterale ai convegni ed agli incontri di Associazioni Onlus, o degli operatori legati al mondo della sanità e dei diritti del malato».

Attraverso quella che può essere definita una sorta di terapia del sorriso, si lancia un grido di dolore e di solidarietà ma anche un appello a porre una maggiore cura e attenzione al paziente: tutti abbiamo diritto a rivendicare l’attaccamento alla vita.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Golden
via Taranto, 36 – Roma
fino a domenica 13 aprile
orari: da martedì a sabato ore 21.00, domenica ore 17.00

Fondazione Sipario Toscana Onlus e La Città del Teatro di Cascina presentano
Ticket&Tac – divagazioni in pillole semiserie su salute e benessere
di Alessandro Bini, Katia Beni, Donatella Diamanti, Bruno Magrini, Anna Meacci
regia Carmen Femiano
con Katia Beni, Anna Meacci
scene e luci Irene Innocenti
responsabile tecnico Riccardo Gargiulo
organizzazione Antonella Moretti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.