Al Teatro i uno spettacolo da vedere almeno tre volte prima di coglierne davvero l’essenza.

Per la quarta edizione di Face à Face, progetto promosso dall’Ambasciata di Francia – grazie al quale l’Italia incontra la drammaturgia d’Oltralpe – il Teatro i propone il dittico Tremo 1 e Tremo 2 di Joël Pommerat.

Il curatore della mise en espace, Renzo Martinelli, avverte gli spettatori con un piccolo discorso introduttivo: quello che vedremo è una serie di letture – gli attori infatti avranno in mano il copione – ma si è tentato di dare una direzione drammaturgica unitaria all’intero spettacolo. Scorgere però questa direzione unitaria è piuttosto difficile.

Lo spazio scenico è delimitato da un grande sipario bianco diviso in tre parti – dalle quali si accede al palco e che sono aperte in maniera diversa per far spuntare i personaggi dal nulla.

Dietro alla tenda di sinistra, quasi sempre nascosto allo spettatore, un musicista, Guido Baldoni, esegue, con una fisarmonica, la colonna sonora di questo incredibile succedersi di episodi: l’uomo che soffre di “abbellimento di sé” finge di vedere la compagna nelle sembianze di una vecchia; la donna-sirena che rinuncia alle proprie pinne viene abbandonata dall’innamorato perché ha perso la caratteristica che la rendeva speciale; un’ostinata madre operaia, per distrazione, perde diversi arti dentro ai macchinari ma decide di continuare a lavorare nello stesso posto. Gli altri elementi dell’arredo scenico sono un microfono ad asta e un’ulteriore tenda che ha la funzione di fondale e, quando si apre, crea la suggestione dell’apparizione o sparizione dei personaggi.

Lo spettatore ha spesso difficoltà a dipanare il filo degli intrecci: appena sembra aver capito che una storia si ricollega a un’altra, ecco verificarsi un nuovo fatto, o comparire in scena un attore, il quale pronuncia una battuta che si ricollega a passaggi diversi e il puzzle torna a scomporsi.

Gli interpreti tengono però la scena con grande bravura, e una menzione speciale va al giovanissimo Ludovico D’Agostino – il quale osserva buona parte dello spettacolo da una poltrona posta a lato del palcoscenico, mangiando pop corn e bevendo Coca Cola, come se fosse al cinema e guardasse questo film in cui un gruppo di adulti si comporta in modo strano e vive situazioni al limite dell’assurdo. Finisce anche per partecipare all’azione, per poi ritornare nel proprio ruolo di spettatore e, alla fine, concludere la mise-en-scène chiudendo per l’ultima volta il sipario bianco e regalando agli spettatori un enigmatico sorriso che spunta tra le tende.

Al termine della rappresentazione resta lo sguardo del ragazzino che osserva questo mondo sconclusionato – dove nessuno ha più sogni e si finisce per chiederli in prestito ad altri – senza giudicare e senza esserne particolarmente colpito. Ma quanto i ragazzi, in realtà, recepiscono del mondo che li circonda?

Lo spettacolo è andato in scena
Teatro i
Via Gaudenzio Ferrari 11, Milano
Sabato 17 aprile 2010

Tremo 1 e 2
di Joël Pommerat
traduzione di Caterina Gozzi
con la collaborazione di Antonia Gozzi
a cura di Renzo Martinelli
con Gigio Alberti, Ludovico D’Agostino, Giovanni Franzoni, Milvia Marigliano, Alberto Onofrietti, Laura Pasetti, Roberto Rustioni, Emanuela Villagrossi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.