L’arte è più vicina

Nell’ambito del festival Attraversamenti Multipli, creato dal gruppo Margine Operativo, si colloca la proposta dello spettacolo TU_TWO, che adopera l’abitacolo di un’auto come spazio d’interazione performativa, scardinando la convenzione dei luoghi deputati all’arte e coinvolgendo senza filtri gli spettatori.

Decontestualizzare e diffondere l’arte sembra essere l’obiettivo del festival Attraversamenti Multipli, che si interroga sulle relazioni tra linguaggi artistici contemporanei e il presente, inserendo eventi in spazi urbani e in luoghi vitali della metropoli.
In questa prospettiva il momento della performance può consumarsi ovunque, nelle strade che abitualmente percorriamo, in uno spazio quotidianamente muto o adibito a tutt’altre funzioni.
Prendiamo ad esempio un’auto: i vetri oscurati dall’esterno, con un semplice panno. Sei spettatori alla volta vengono fatti accomodare a bordo, ed ecco che le porte si chiudono e inizia il viaggio. Un percorso mentale che si compie insieme agli attori, una coppia che agisce all’interno dell’auto; li guardiamo e siamo così vicini da percepirne i respiri: facciamo insieme parte dell’azione che influenziamo e arricchiamo a ogni movimento. La coppia è da principio muta, mentre lo stereo inonda l’abitacolo di voci che conosciamo: Pasolini, Benigni, Totò, e i manifestanti vittime del G8 di Genova. Il mondo, come lo immaginiamo ora è solo per noi e nel momento della performance. Siamo isolati e tirati dentro. Siamo fuori dal mondo e totalmente coinvolti, incastonati al centro della performance. La coppia prende coraggio e forse noi pure: i due ragazzi si baciano appassionatamente e non dispiace osservarli di profilo ora, mentre prima offrivano agli spettatori il capo chino e la visione della loro nuca.
La coppia distribuisce dei piccoli led luminosi, mentre lo spazio dell’auto sta per mutare forma ancora una volta; il ragazzo ha imbracciato una chitarra elettrica e la giovane ha un microfono e una buffa parrucca: ecco, siamo su un palco e siamo a un concerto rock! Ridiamo insieme, stemperiamo la tensione e illuminiamo con i piccoli led gli attori, che si esibiscono in uno spazio dilatato e gommoso, pronto a mutare forma e a ricreare se stesso.
La performance dura poco più di sette minuti e a un tratto le porte dell’auto si riaprono; gli spettatori scendono e si guardano in viso: i fortunati compagni d’avventura non hanno avuto nemmeno il tempo di battere le mani perché la percezione della fine e il rientro nella realtà ovattata si sono malinconicamente e abilmente sovrapposti, riscattando il tempo breve di un sogno, confuso e vivo.

Lo spettacolo è andato in scena:
Quadraro
via Selinunte, 57 – Roma
giovedì 6 dicembre, ore 21.00

TU_TWO – Due alla fine del mondo
di Tamara Bartolini, Michele Baronio
con Tamara Bartolini, Michele Baronio
soundscape Renato Ciunfrini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.