La parabola della Trilogia sull’Identità è compiuta

Arriva a Teatri di Vita di Bologna, all’interno dell’iniziativa Generazione Scenario 2017. Prime rappresentazioni organizzata dall’Associazione Scenario il discusso spettacolo vincitore del Premio Scenario 2017.

Un eschimese in Amazzonia è il terzo e ultimo capitolo della Trilogia sull’Identità creata da Liv Ferracchiati e la Compagnia The Baby Walk, che affronta un argomento molto attuale ma poco conosciuto: il discorso sul genere. La metafora dell’eschimese risulta, quindi, subito pregnante: citazione dell’attivista Porpora Marcasciano, che fa riferimento al “contesto socio-culturale avverso che compromette, ostacola, falsifica un percorso che potrebbe essere dei più sicuri e dei più tranquilli”.
Perché cos’è, o meglio chi è, un transgender? Lo spettacolo sembra non avere una risposta chiara e precisa, mentre l’attenzione si concentra sulla rivendicazione di un’identità contrastata, non normalizzata, non regolamentata.
Peter Pan guarda sotto le gonne e Stabat Mater, i primi due capitoli della Trilogia, affrontavano l’argomento da due prospettive diverse ma comunicanti: il primo tramite la danza, il secondo attraverso la parola rappresentata come relazione. Entrambi si distinguono da quest’ultimo capitolo perché è solamente qui che entra in gioco l’elemento autobiografico, in senso non solo drammaturgico ma scenico.
Per la prima volta, infatti, è la stessa autrice e regista Liv Ferracchiati a farsi carico della responsabilità totale di presentarsi al pubblico in tutto il suo essere. Contraltare, a volte scomodo altre rassicurante, un Coro composto da quattro figure compatte e dinamiche. Sul palcoscenico nient’altro che un microfono su un’asta, un pallone da calcio e una sedia con una giacca sopra. L’essenziale è l’elemento parola: Liv conduce un gioco serrato, incalzante, che passa dai luoghi comuni sull’argomento a esempi famosi e ambigui come Lady Oscar o Amanda Lear. Lo stereotipo è dissacrato in diversi modi, mentre trova spazio anche una velata critica al nonsense a cui ci sottopongono i media mettendo sullo stesso piano la vittoria di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti e l’ultima puntata di MasterChef Italia.
Diverse canzoni fanno da spalla ai discorsi di Liv, una su tutte: Vita spericolata di Vasco Rossi. Dapprima recitata e inframmezzata con il racconto – che prosegue con linearità; poi canticchiata dal Coro fino a essere urlata a squarciagola da tutti (Liv compresa).

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatri di Vita
via Emilia Ponente, 485 – Bologna
sabato 2 e domenica 3 dicembre
orari: sabato, ore 22.30 – domenica, ore 18.00

Un eschimese in Amazzonia
ideazione e testo Liv Ferracchiati
scrittura scenica Greta Cappelletti, Laura Dondi, Liv Ferracchiati, Giacomo Marettelli Piorelli, Alice Raffaeli
Con Greta Cappelletti, Laura Dondi, Liv Ferracchiati, Giacomo Marettelli Priorelli e Alice Raffaeli
suono Giacomo Agnifili
produzione Compagnia The Baby Walk

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.