Cambiare le prospettive e aprire la riflessione

Al Teatro Linguaggi Creativi è in scena, fino al 3 febbraio, Una (disprezzata) sera d’autunno, brillante e grottesca drammaturgia di Francesco Leschiera che riesce a carpire l’essenza della grandezza di Durrenmatt.

Il palco pieno di foglie secche e il profumo umido e selvatico che cospargono per la sala, non lasciano dubbi sull’ambientazione autunnale dello spettacolo – immettendo lo spettatore da subito in una dimensione surreale ma, allo stesso tempo, fortemente concreta e ben collocata: in una piovosa notte d’autunno, ci ritroviamo a essere discreti e curiosi testimoni di particolari incontri all’interno dello studio di un celebre scrittore, luogo nel quale è ambientato il suo ultimo romanzo giallo che egli stesso presenta in radio ai suoi affezionati lettori. Una matriosca di situazioni che si intrecciano e si assorbono a vicenda confondendo lo spettatore, con l’obiettivo di sbaragliarlo dalle sue convinzioni, slegarlo da un punto di vista vincolato e smuoverlo dai preconcetti borghesi sulla figura dell’artista, sulle convenzioni sociali, sul concetto di bene e di male. In effetti, la nostra posizione di voyeurs si trasforma (in certi momenti molto ben costruiti) in quella di giudici, magistrati che ascoltano i protagonisti mettersi a nudo davanti a un banco degli imputati per mettere alla gogna i pregiudizi della società borghese e gli stilemi forse ormai troppo scontati del genere giallo.
Francesco Leschiera è abilissimo nell’unire due radiodrammi di Durrenmatt (Una sera d’autunno e Colloquio notturno con un uomo disprezzato) in una drammaturgia brillante e grottesca al tempo stesso, aiutato in questo dalla scenografia di Ilaria Parente che, con un “semplice” pannello di sfondo, è in grado di evocare tutto quanto possiamo immaginarci all’interno di un giallo urbano contemporaneo: il sangue, i volti distorti delle persone, l’accavallarsi dei palazzi, le tante parole fagocitate, ogni giorno, dai media. L’energia e la caratterizzazione puntuale di Francesco Meola e Alessandro Macchi è forte e preziosa soprattutto nel rendere efficace la fusione dei due testi che, all’interno di un’unica proposta drammaturgica, si trasforma in ribaltamento: prima, lo scrittore è il carnefice e il suo ammiratore la vittima, poi i ruoli si invertono, portando addirittura a una grottesca deontologia dell’uccidere, a un codice d’onore che forse i piccoli criminali hanno, ma certamente non i politici che, subdolamente, dai loro scranni del potere si spacciano per garanti dell’ordine, pur commettendo crimini ben più gravi.
Tutto il cast risulta quindi efficace nel rendere i punti salienti dello stile e della “poetica” di Durrenmatt: il ribaltamento dei ruoli tradizionali del giallo; l’abbandono degli stilemi classici e prevedibili; la riflessione sui limiti e sulla pochezza dell’uomo, la cui consapevolezza spesso porta i suoi protagonisti a uscire dall’empasse e a risolvere l’enigma (si pensi anche a romanzi di “genere” incredibilmente coinvolgenti come La promessa o Il giudice e il suo boia). In questo senso si spiega la figura apparentemente in ombra e secondaria di Andrea Magnelli che, nella veste “anonima” dell’uomo che gira i canali della radio, è in realtà la mente critica dello spettacolo, quasi una sorta di coro a una voce che ha il coraggio di gridare in faccia al mondo la questione fondamentale: forse, l’unico vero problema è l’uomo stesso, e l’unica vera rivoluzione da compiere è dentro di noi.
Eccellenti anche le scelte musicali che, passando da Astor Piazzolla ad Arvo Pärt, intensificano i momenti più forti della performance.
Consigliata la visione anche solo per conoscere questo spazio, il Teatro Linguaggi Creativi, piccolo ma vivo, interessante, che punta molto sull’accoglienza, sul senso di condivisione e di comunità: gli spettacoli, solo nel fine settimana, costituiscono una valida alternativa ai soliti svaghi del weekend, soprattutto se prima dello spettacolo, nel foyer c’è la possibilità di incontrarsi con amici e gente nuova davanti a un aperitivo e a un buon bicchiere di vino offerti dal teatro.

[nggallery id=78]

Lo spettacolo continua: Teatro Linguaggi Creativi
via Villoresi, 26 – Milano
fino al 27 gennaio e dal 1° al 3 febbraio

Una (disprezzata) sera d’autunno
dai radiodrammi di Friedrich Durrenmatt
elaborazione drammaturgica e regia di Francesco Leschiera
con Alessandro Macchi, Francesco Meola e Andrea Magnelli
costumi di Ilaria Parente
scenografia Ilaria Parente e Francesco Leschiera
luci di Luna Mariotti
scelte musicali ed elaborazioni sonore di Antonello Antinolfi
produzione Teatro del Simposio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.