La poesia dell’amicizia

A Monteverde, lo stesso quartiere in cui hanno vissuto, si ripercorre l’amicizia che ha legato Pier Paolo Pasolini e Attilio Bertolucci. In scena al Teatro Vascello di Roma Un’amicizia in versi, Attilio Bertolucci e Pier Paolo Pasolini.

Fabrizio Gifuni legge Pier Paolo Pasolini, Sonia Bergamasco legge Attilio Bertolucci: insieme danno vita a un botta e risposta a distanza che dà la cifra dell’amicizia che ha legato i due poeti.
Dai loro scritti emerge la pienezza della parola, la bellezza del suo suono e il suo potere evocativo, esaltati dalla scena vuota, riempita solo da un leggero gioco di luci sfumate e dalla voce, dal ritmo vagamente cantilenante, dei due attori.
Scorci di Roma e di vita quotidiana si innalzano fino a diventare poesia, così avviene per la descrizione di un dolce che da semplice oggetto diventa cibo degli dei. Tutto diventa stupore e meraviglia.
Ponte Mammolo, Franco Citti, Ninetto Davoli, le partitelle, la borgata, il Trullo, paesaggi di campagna caratterizzati da ricordi personali si intrecciano con tematiche più filosofiche come le riflessioni sul tempo e sulla vita, sulla piccola società e sugli stessi due amici e poeti. Uno scambio sincero e profondo, fatto di confidenze e di abbandoni a ricordi per immagini che lo spettatore riesce perfettamente a disegnare nella sua mente.
Emergono chiaramente le personalità di questi due artisti, quella più problematica, nostalgica, quasi fuori posto nel tempo in cui ha vissuto, di Pier Paolo Pasolini – non a caso il suo linguaggio è caratterizzato da aggettivi contrastanti – che, lungimirante e profetico, inquadra perfettamente la società del suo tempo restituendone un ritratto tanto attuale quanto preoccupante. Mentre quella di Attilio Bertolucci sembra quasi fare da contraltare a Pasolini: nelle descrizioni che egli regala di paesaggi e momenti di vita emerge chiara una sensibilità straordinaria ma un animo forse meno tormentato. Alla fine, su tutto, campeggia l’interrogativo di Bertolucci sulla morte del caro amico, un “perché” destinato a rimanere orfano della sua risposta.
Molte parole si potrebbero spendere per continuare a descrivere le sensazioni suscitate dalla penna di questi due grandi artisti del Novecento, ma nessuna sarà in grado di renderne le tante sfumature, bisogna solo saperle ascoltare.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Vascello
via Giacinto Carini, 78 – Roma
lunedì 4 febbraio, ore 21.00

Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti presenta
Un’amicizia in versi, Attilio Bertolucci e Pier Paolo Pasolini
da un’idea di Fabrizio Gifuni
con Sonia Bergamasco, Fabrizio Gifuni
disegno luci Hosseini Taheri

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.