COMUNICATO STAMPA

WONDERLAND festival 2014 Brescia tra fiabe e nuove creatività
Spazio Teatro Idra_31 gennaio – 9 marzo_III edizione

Terza edizione di Wonderland il festival dell’immaginifico e delle fiabe per adulti che si svolge a Brescia. Uno spazio temporale dove ritrovare il gusto della sperimentazione di sé attraverso lo stimolo dell’altro, una sfida per offrire l’arte come paradigma essenziale del vivere quotidiano. Wonderland 2014 è intitolato Light the future up a indicare, in periodi difficili come quello che stiamo attraversando, una fiducia, una luce che brilla lontano e che ci guida.
Dal 31 gennaio al 9 marzo sotto la direzione artistica di Davide D’Antonio presso lo Spazio Teatro Idra a Brescia, si alterneranno, sulla scena 15 compagnie nazionali e internazionali tra teatro e danza per un totale di 24 appuntamenti (ai quali si aggiungono tre workshop concentrati, anche in questa edizione, nei weekend) che possono essere sintetizzati in un “manuale d’uso” diviso in tre sezioni e un focus sul nord Europa:

Manuale d’uso per Wonderland Festival 2014. Tre azioni per ripensare il nostro futuro
1 – Accendere la mente.
Via dalla noia, via dall’apatia, via dalle fredde serate invernali. Scegli di essere spettatore attivo. Vieni al festival. Fatti provocare dagli spettacoli.Interloquisci con la compagnia. Discuti col pubblico di fronte ad un bicchiere di vino.
Non vedrai solo spettacoli stucchevolmente belli ma ti sarà chiesto di partecipare alla bellezza della rappresentazione.
Due versioni, due punti di vista artistici della fiaba italiana per eccellenza.Michele Cremaschi (22 e 23febbraio presso il Teatro Laba)in Augmented Pinocchio, grazie all’interazione con le proiezioni 3D ci farà immergere nelle pagine di un Pinocchio onirico e multimediale. Simone Perinelli della compagnia Le vie del Foolin Requiem for Pinocchio (22 febbraio) dà vita ad una scrittura attuale e visionaria che vuole dare un seguito alla favola concentrandosi su un evento significativo della vita di questo personaggio: diventare essere umano.
Il giovane e scoppiettante Collettivo PirateJenny con Vanity Fair’s Snow White ci presenta una Biancaneve moderna alquanto pop (21 febbraio). GliZaches, compagnia di punta del panorama nazionale, ci farà immergere nel mondo allucinato e poetico di una favola moderna Faustus! Faustus! che riflette sull’umana potenza.Dopo Uno (28 febbraio e 2 marzo) incentrato sulla violenza alle donne, nella seconda parte della trilogia dedicata ai valori sociali, gliImage Collectivesi interrogano sul senso dell’amicizia in Duo (1 e 2 marzo).

2- Illuminare lo spirito
L’arte di emozionarsi sembra immediata ma va coltivata con delicatezza. Lasciare le briglie per un attimo. Vedere le miserie quotidiane da un’altra angolazione.Lasciarsi commuovere: ridere e piangere. Sembra facile ma non lo è.
Vogliamo fare vibrare le tue corde con la compagnia di teatro/circoMadame Rebinèche ne Il Paziente (14 febbraio) ci istruisce sulla guarigione con esilarante maestria. Il debutto nazionale (15 febbraio) di C&C che in 012 ipotizzano una coreografica fine del mondo. Intensa l’interpretazione della tedesca Compagnia H. che in apertura di festival (31 gennaio) e in prima nazionale con lo spettacolo Hikikomori riflette sulle nuove forme di solitudine.

3-CondiVedere
Questo nuovo mondo ci ha chiesto uno scarto. Ci sta chiedendo di ripensare l’assetto di valori cheavremo. Vogliamo tutti contribuire all’innovazione sociale che volenti o nolenti é sotto i nostri occhi. Vi proponiamo di condividere e vedere con noi tre momenti importanti. L’1 febbraio alle 20.45 NdN, progetto sulla nuova drammaturgiacurato quest’anno daGabriele Vacis che in questa serata prevede la lettura di cinque nuovi testi teatrali in anteprima assoluta; dalle 23.00 avrà inizio laBlack Night: una notte di eventi performativi al buio per risvegliare i nostri sensi.
A chiusura di Festival (5\9 marzo), torna Open Up – festival della città aperta alle differenze sessuali, che grazie al sostegno dell’assessorato alla Partecipazione dei Cittadini del Comune di Brescia quest’anno prevede un’intensa programmazione: spettacoli con ATIR con il testo di Letizia Russo Per una donna (5 marzo), Teatri di Vita che il 6 marzo ci farà incontrare in un caleidoscopico delirio camp tre decadenti signore che sembrano lontane parenti delle tre sorelle di Cechov ne L’omosessuale o la difficoltà di esprimersi.Chronos3 con La mia massa muscolare magra (7 marzo) racconta storia di un ragazzo gay immerso nella realtà virtuale delle chat fino all’incontro con Luca; Elena Rossi e Angela Soldano e le loro grandi donne degli anni 20 in Punti Di Vista Spunti Di Svista l’8 marzo, serata durante la quale è presentato il progetto Tante quante non ne vorremmo mai raccontare. Il 9 marzo Teatro19 con lo spettacolo per bambini e famiglie Piccolo Uovo, famiglie allargate, con un genitore solo, con figli adottati, ma anche famiglie con due mamme o due papà. Famiglie diverse, ma diversamente felici.

Ed infine una luce particolare: Nordic focus
Un focus sul nord Europa che con le sue luci apparentemente fioche è stato capace di illuminare il panorama internazionale dando nuovo senso all’arte performativa. Presentiamo due artisti in anteprima assoluta per l’Italia:
Yossi Berg & Oded Graf, compagnia israeliano/danese ci presenta l’8 febbraio i nuovi supereroi in un divertente affresco sulle paure del nuovo mondo che ci aspetta. Un gioco coreografico tra due uomini, accompagnato dalle canzoni di David Bowie. Heroes è vincitore del premio internazionale di coreografia Burgos-New York e selezionato tra le cinque migliori performance di danza del 2008 dalla critica israeliana.
Hege Haagenrud, coreografa norvegese che con una leggerezza fuori dal comune in The Jury (14 e 15 febbraio) interroga il mondo degli adulti attraverso la voce dei bambini, che come in un famoso film di Woody Allen, irrompono in scena da un video proiettato sul fondale perché sono loro che vogliono decidere come deve essere uno spettacolo per bambini.

Il Festival Wonderland anche quest’anno propone tre workshop: il 2 febbraio con Ingeborg Waldherr della Compagnia H.; il 9 febbraio con i coreografi Yossi Berg & Oded Graf e il 16 febbraio workshop a cura di Maria Freyvoll e Marie Male Kalstø della compagnia Hege Haagenrud.

Il Festival è organizzato da: Wonderland Festival, Residenza Idra e Teatro Inverso; con il contributo di: Fondazione Cariplo, Mibac, Comune di Brescia, Provincia di Brescia, Presidenza della Regione Lombardia, Fondazione Asm e Ambasciata d’Israele, in collaborazione con: Danzarte / Circuito Danza Lombardia, Laba / Libera Accademia di Belle Arti, Associazione Amici Complici Amanti, Pianeta Viola, Agedo, Arcigay Orlando, Famiglie Arcobaleno, ristorante Pizzeria “Da Ciro”.

Wonderland Festival:
Dove: Spazio Teatro Idra, Vicolo delle Vidazze 15, Brescia
Info: tel.030291592 – 3392968449 | info@wonderlandfestival.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.