Quando i mimi parlano, si aprono le acque

zelig-milano-80x80Si narra… di una coppia i comici e di un mimo che fecero ridere la platea allo Zelig Cabaret dal 9 all’11 maggio. E fin qui tutto bene…

Si narra di quando Mosè si trovò di fronte alle acque del Mar Rosso e disse: «Le naturali in cantina e le frizzanti in frigo!». È con queste parole che il duo comico, composto da Enzo Paci e Andrea Bottesini, dà inizio allo spettacolo Fin qui tutto bene. Partendo dal loro pezzo forte, Si narra, per poi passare a I Doppiatori, Il Carosello e I Cronisti dell’Esegesi ermeneutica della lirica.

Attraverso questa allegra carrellata di sketch si analizzano, in modo divertente, le idiosincrasie della società attuale: di fretta, finta e ormai incapace di comunicare e, soprattutto, di ascoltare. Intendendo, però – si badi bene – una comunicazione non solo verbale. Il 75% delle forme di comunicazione, infatti, è costituito dal non verbale: gesti, espressioni, sguardi. Ed è qui che entra in scena il sapiente “mimo” Simone Barbato che, attraverso la propria gestualità, diverte molto più di tanti comici dalle battute ormai scontate.

In scena, Barbato è in grado di “trasformarsi” – con abilità incredibile – in forbici, mucche, asini stizziti, gomme da masticare, riuscendo in modo eccelso nel proprio intento. E per chi, come me, non ha mai sentito un mimo parlare, ecco che – appena gli appoggiano un cappello in testa – Barbato esprime al meglio anche la sue abilità attorali, recitando un pezzo di Aspettando Godot, e quelle di cantante lirico – insieme ad Andrea Bottesini.

A ogni frase o movimento corrisponde una risata da parte del pubblico, che partecipa direttamente allo spettacolo aiutando i comici genovesi a perfezionare il loro dialetto bergamasco e, come usuale negli spettacoli di caberet, divenendo oggetto di uno scherno volto a strappare una risata in più e a creare un’atmosfera di festa.

Lo spettacolo è andato in scena:
Zelig Cabaret 
viale Monza, 140 – Milano
doppio spettacolo con il duo PACI-BOTTESINI e SIMONE BARBATO
sabato 11 maggio 2013, ore 21.30

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.