Occhio a quei due "> Occhio a quei due

Occhio a quei due

Occhio a quei due, articolo di "Alessandro Alfieri" su Persinsala Teatro
Home | Performing Arts/Prosa | Occhio a quei due

Occhio a quei due
Recensioni/Articoli di

Il duo comico più amato dagli italiani torna al teatro con Occhio a quei due, spettacolo garantito dalla premiata ditta Lillo & Greg. Un pubblico delle grandi occasioni quello che ha accolto la prima dello spettacolo del duo comico Lillo & Greg, in scena al Teatro Ambra Jovinelli fino al 30 marzo. La risposta del pubblico …

Esilarante senza essere banale

Leggi la Recensione Occhio a quei due

ambra-jovinelliIl duo comico più amato dagli italiani torna al teatro con Occhio a quei due, spettacolo garantito dalla premiata ditta Lillo & Greg.

Un pubblico delle grandi occasioni quello che ha accolto la prima dello spettacolo del duo comico Lillo & Greg, in scena al Teatro Ambra Jovinelli fino al 30 marzo. La risposta del pubblico era d’altronde prevedibile, così come prevedibile è il successo che caratterizzerà l’intero corso dello spettacolo dato il richiamo dei due istrionici attori.

Ormai con alle spalle una carriera più che consolidata, Pasquale Petrolo e Claudio Gregori sono innanzitutto espressione di poliedricità, perché nel corso degli anni hanno fatto breccia nel cuore del pubblico (specie tra le nuove generazioni) attraverso progetti musicali (con la band demenziale Latte & i suoi derivati), teatrali, persino artistici essendo stati i due anche fumettisti.

Di acqua sotto i ponti ne è passata tanta da quando i due intrapresero la loro fortunata strada partendo da Le Iene, essendone stati anche fondatori e autori per diversi anni. Tra i riconoscimenti pensiamo anche alle parti che i due hanno intrapreso nell’ambito cinematografico, ormai numerosissime e non più circoscritte a meri camei. Ora, dopo questa doverosa introduzione, appare chiaro che Occhi a quei due si imponga, nell’orizzonte del teatro di prosa e del teatro comico, come uno dei titoli più significativi. Si tratta, come nello stile del duo, di un montaggio di sketch esilaranti indipendenti tra loro, dove il non-sense, gli equivoci verbali, il sarcasmo caratterizzante i rapporti di coppia sono la linfa vitale. Montaggio è effettivamente la parola azzeccata a pensarci bene, perché la sofisticata scenografia, la curatissima regia di Pino Quartullo e il calibratissimo disegno luci fanno da cornice a una sequenza resa attraverso un palco ruotante che sembra imitare proprio il flusso cinematografico. Sono state evidenti alcune piccole imperfezioni tipiche delle prime teatrali, che sinceramente non ci si aspetterebbe da un gruppo di professionisti come questo (per esempio un fastidioso microfono gracchiante), e bisogna anche ammettere che in alcune occasioni è la resa delle battute e la recitazione a non essere al massimo, quasi fossero stati presenti cali di concentrazione da parte anche dei due mattatori.

Ai due si sono affiancati i bravissimi Danilo De Santis e Vania Della Bidia, stupenda nella parte costante della donna desiderata e sempre sfuggente. Non c’è bisogno di dire che Lillo & Greg sono bravissimi e che lo spettacolo è assolutamente divertente, sicuramente alcuni sketch più di altri, anche perché un altro limite è rappresentato dal fatto che molte parti dello show sono effettivamente parte di un vecchio repertorio che molti ormai conoscono bene. Repertorio che comunque continua a far rideree che è sempre un piacere vedere e rivedere all’infinito. Occasione ghiotta per chi cerca nel teatro un momento di intelligente e fine comicità, capace di distinguersi dalla banalità e dall’ovvietà.

Lo spettacolo va in scena:
Teatro Ambra Jovinelli
Via Guglielmo Pepe, 43 – Roma
dal 13 al 30 marzo, ore 21.00

LSD presenta
Occhio a quei 2!
di e con Lillo & Greg
regia di Pino Quartullo
con Pasquale Petrolo, Claudio Gregori, Danilo De Santis, Vania della Bidia

8,00

Check Also

Tarasov005 Maxi 678x381

Intuitus / Flux. Festival lituano delle Arti

Tarasovas, Mockūnas e Kanevičius, maestri della scena jazz sperimentale lituano, offrono all’Auditorium Parco della Musica …

One comment

  1. L’articolo conferma i miei sospetti. Diciamocela tutta: Lillo e Greg annunciano a settembre una nuova commedia (“Mr Starr”) ma poi, per calo creativo o per manifesta insufficienza, si rendono conto che non regge la scena e riparano su un collage di vecchi sketch senza neanche impegnarsi più di tanto (ecco spiegati la recitazione scarsa e i cali di tono), tanto più che appena finito questo fastidioso impegno dovranno rimontare il vecchio spettacolo e continuare la tournée. Che serietà è questa, specialmente nei confronti di chi ha comprato da mesi il biglietto? Perchè riciclare roba vecchia senza avvisare che di minestra riscaldata si tratta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi